X Utilizziamo i cookie per essere sicuri di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito. Per maggiori informazioni clicca qui.
  • Seguici su

  • +39 0761.799923


  • Parco di Turona

    A 5 Km dalla cittadina di Bolsena in direzione Sud all’altezza del Km 108.200 si trova il Parco Archeologico Naturalistico di Turona. Il parco rappresenta il tipico aspetto collinare che ricopre i monti Vulsini nell’alto Lazio: nei boschetti e i corsi d’acqua in cui è possibile incontrare diffusamente le specie arboree ed arbustive come: il carpine, l’ornello, il ligustro, la ginestra, il caprifoglio, l’olmo, il sambuco, il corniolo, la rosa canina, il nespolo, il rovo ed il sorbo.
    Il parco è attraversato dal Fosso Turona e Arlena che lo delimitano e si snodano lungo il loro percorso con le famose cascatelle. Il fosso Arlena trae origine dalle sorgenti naturali del Bucine le cui acque son drenate fino al lago.
    Nel Parco vivono specie tipiche dei Monti Volsini, alcune rare, altre completamente assenti nel circondario. Da segnalare sono l’airone cinerino ed il merlo acquaiolo, la rana verde e la rana dalmatina e la raganella, gli ormai rari granchi, le anguille che risalgono dal lago e qualche trota.
    Inoltre lungo le pendici di un colle minore, detto della Capriola, è stata rinvenuta un area sepolcrale da cui sono stati portati alla luce numerosi reperti relativi agli arredi funerali oggi esposte presso il Museo Territoriale del Lago di Bolsena.
    Tra storia e cultura, lungo il percorso segnato dal Fosso di Arlena, si rinvengono numerosi mulini di valenza archeologica risalenti al XIV Sec. che servivano gli abitanti del circondario, comprese più distanti comunità di Marta e Capodimonte. Per molti di questi mulini (almeno sei o sette) non resta che dei ruderi. Tuttavia in cima al colle, in prossimità della sorgente del Bucine, uno di questi mulini si è conservato in virtù del fatto che è stato attivo fino agli anni sessanta.


     


    Gemellati con


    Cookie - Privacy

    Sviluppato da InfoMyWeb - Segnalato su TusciaInVetrina.info - Credits